Marzo 19, 2020

Web marketing turistico e coronavirus: 13 cose da fare per il turismo in crisi

Negli ultimi giorni l’impatto del Coronavirus ha completamente stravolto il mondo del turismo e del marketing turistico, lasciando gli operatori del settore in uno stato di profonda ansia ed agitazione.

Ecco perché in questo articolo ti spiegherò come sfruttare il momento e come approfittare della situazione di stallo per ripartire appena possibile.

Quanto può cambiare il mondo in soli 30 giorni?

Solamente qualche settimana fa stavo progettando una presentazione per gli albergatori della Val di Fassa, nel cuore delle Dolomiti, dove con alcuni soci ho fondato Dolomithink, un' agenzia di Web Marketing Turistico.

Ma poi è arrivato il Coronavirus e tutto è cambiato. Stazioni sciistiche chiuse. Quarantena forzata. Un intero paese bloccato. 

Chi avrebbe mai potuto dirlo solamente un mese fa?

Si tratta di una batosta colossale che ha fatto precipitare a ZERO il fatturato di molte strutture ricettive e dalla quale al momento non si vede una via d’uscita.

Per questo motivo ho preparato 13 consigli su cosa fare per il turismo durante il coronavirus.

Spero con questo mio contributo da esperto di web marketing turistico di darti alcuni elementi di riflessione e spunti pratici per gestire la crisi

NOTA BENE: Questo articolo è molto lungo. Per scaricarlo e leggerlo con calma (e ricevere trucchi e consigli sul Marketing Turistico) CLICCA QUI

13 Attività di Web Marketing Turistico per gestire la crisi

1 - Non stare fermo, ma preparati al dopo

La prima cosa che è necessario comprendere è anche la più importante di tutte: devi stare a casa ma non puoi stare fermo. La ripartenza ci sarà e devi farti trovare preparato, perché sarà diversa da come te la aspetti. Fra poco ti spiegherò cosa intendo.

Innanzitutto l’Italia è e sarà sempre il paese più bello del MondoLe nostre bellezze naturali, artistiche ed eno-gastronomiche continueranno ad attrarre turisti da ogni angolo del Pianeta. E nonostante le polemiche di qualche giorno fa (la caccia all'untore di chi voleva sottrarci preziose quote di mercato, come Francia e Spagna) ora che tutti i Paesi Esteri stanno subendo la stessa sorte la percezione cambia a livello planetario

Inoltre a causa della “bellezza” che ci circonda non ci siamo mai preoccupati di investire nel marketing per il turismo. Mentre altri paesi lo hanno fatto e sono attualmente molto più avanti di noi. Se recuperiamo il tempo perduto possiamo fare un enorme balzo in avanti e ripartire con ancora più decisione una volta che la crisi sarà finita.

Perciò a meno che tu abbia già deciso di chiudere (ragionamento che per alcuni potrebbe essere una scelta logica, per molti altri purtroppo una necessità) devi assolutamente mettere in campo le tue migliori risorse mentali per gestire la situazione e prepararti al futuro.

Provo a dirlo in modo più chiaro:

  • Disperarsi per la situazione non aiuterà
  • Lamentarsi del governo non cambierà le cose
  • Giudicare l’operato delle istituzioni non farà tornare i turisti

La verità, non posso nasconderlo, è che molte aziende falliranno (non solo nel turismo) e che solo i più preparati sopravviveranno. Perciò continua a leggere e concentrati, così da rimanere fra coloro che avranno più possibilità di farcela.

2 - Controlla che le tue infrastrutture digitali siano ok

Non si sa quando arriverà la ripresa. Ma quando arriverà bisognerà che tu sia pronto ad intercettarla. Ciò significa che le tue infrastrutture di web marketing turistico dovranno essere “allo stato dell’arte”.

Perché le infrastrutture digitali?

Perché il turismo, già prima di questa crisi era tra i settori a maggior tasso di prenotazione e consumo online. Dopo il coronavirus lo sarà ancora di più.

Pensaci… siamo bloccati tutti i giorni in casa a guardare freneticamente internet e social network. Nelle prossime settimane diventeremo totalmente dipendenti dal digitale, ancora più di prima.. Il mondo cambierà e diventerà ancora più “mobile”.

Per questo motivo devi assicurarti che:

  • Il tuo sito sia moderno, ben navigabile e ottimo sui cellulari
  • I social network comunichino adeguatamente chi sei, cosa fai e perché i turisti dovrebbero venire da te
  • La tua Web Reputation, ovvero le recensioni sui canali di recensioni online e sulle OTA, sia eccellente
  • Le tue campagne di marketing e advertising riescano ad attrarre il pubblico giusto per te ed ad incuriosirlo abbastanza da farli atterrare sulle tue proprietà

Perciò, ora che hai molto tempo a disposizione, approfittane per fare un check completo della tua situazione digitale. Ora più che mai questo elemento sarà fondamentale

3 - Investi nel marketing

Se le tue infrastrutture digitali sono già a posto, allora puoi pensare di investire nel web marketing turistico.

Si tratta di un’attività che forse finora hai sempre sottovalutato. Anzi, se sei iscritto alle OTA hai sempre delegato questa componente strategica del tuo business a Booking, AirBnb, Trivago, TripAdvisor ecc.…

In pratica hai dato a qualcun altro l’unico vero compito che dovrebbe essere tipico di ogni imprenditore: trovare nuovi clienti

Poi succede che Booking, come in seguito alla crisi Coronavirus, dimostra qual è l’unica cosa che conta per lui: i SUOI clienti. Quelli che prenotano nella TUA struttura attraverso le SUE pagine. E ti impone rimborsi selvaggi e clausole che vanno tutte contro di te.

Cose che devi necessariamente accettare perché le tue prenotazioni dipendono in larga misura proprio dal colosso Olandese.

Tutto ciò non accadrebbe se tu avessi un TUO sistema di marketing turistico, che attraverso TUE campagne opportunamente ottimizzate ti permettesse di acquisire clienti TUOI in modo prevedibile e misurabile.

Sei ancora in tempo per farlo. Ma devi cominciare a pensarci ora. Sfrutta questa difficoltà globale come un “vantaggio” rivedendo le tue strategie di marketing oppure, se ancora non ce l’hai, creandone una ad hoc.

NOTA BENE: Questo articolo è molto lungo. Per scaricarlo e leggerlo con calma (e ricevere trucchi e consigli sul Marketing Turistico) CLICCA QUI

4 - Fatti vedere con costanza

Cosa fare per il turismo durante in Coronavirus?

Il fatto che la tua struttura sia chiusa o vuota non significa che non devi più farti vedere. Molti tuoi clienti probabilmente si chiedono se sei aperto, se stai bene, se dalle tue parti è tutto ok...

Quindi è già una buona norma farti vedere e far sapere a tutti coloro che ti conoscono che ci sei, che anche tu stai stringendo i denti per il brutto momento ma che non vedi l’ora di poterli riabbracciare appena tutto sarà finito.

Inoltre in questo momento siamo tutti a casa ed abbiamo un sacco di tempo libero. Farsi vedere con dei post intelligenti e mirati sui social significa entrare in contatto con molta gente che magari ancora non ti conosce ma che potrebbe aver voglia di farlo.

Una strategia di marketing turistico da non sottovalutare

E poi non tutti sono preoccupati. C’è probabilmente chi sta già pensando alle vacanze e se catturi la sua attenzione ora potrebbe ricordarsi di te quando verrà il momento. 

5 - Non abbassare i prezzi

Perdite in borsa di Booking.com, colosso del marketing turistico, dovute al coronavirus

Un errore che ho visto fare spesso in questi giorni è quello di abbassare i prezzi sperando così di intercettare la domanda bassa del momento. E’ un errore grave per tre motivi importanti:

  • Il problema attuale non dipende in alcun modo dal prezzo. E’ invece un crollo della domanda per causa di forza maggiore. Abbassare il prezzo ora è come proporre un’ottima pizza a chi sta morendo di sete. Inutile, dannoso e fuori contesto
  • Questa strategia sul lungo periodo può provocare un solo risultato: distruggere il tuo Brand. Infatti nel momento in cui una struttura turistica abbassa i prezzi va immediatamente  a de-posizionarsi perdendo lo status che si è costruita nel tempo ed andando a fare concorrenza a strutture di qualità inferiore.

E’ possibile che venga il momento di abbassare i prezzi in futuro. Ma adesso non è sicuramente il momento

6 - Alcune offerte possono avere senso.

Interessante iniziativa di Volotea. Rischiosa ma potenzialmente utile

Quello che invece potresti fare è creare alcune offerte molto precise che ti possano fornire un minimo di liquidità, merce rara e di grande importanza di questi tempi.

La quarantena aumenta clamorosamente la voglia di uscire e di festeggiare. E’ probabile che quando tutto sarà finito, se i tempi saranno contenuti, ci sarà un’esplosione di domanda.

Puoi intercettare una parte di quella domanda già ora, proponendo offerte per un periodo avanzato dell’anno e facendoti dare un piccolo anticipo che puoi usare per ricavare flusso di cassa.

Devi stare molto attento alle clausole di cancellazione. Ma puoi anche aggirare il problema creando coupon che a fronte di una caparra immediata danno diritto all’accesso alla struttura in qualunque momento

7 - Rivedi la gestione ed i conti

In questo punto usciamo dal marketing ed entriamo nel management. Ti ho già detto che il futuro non sarà facile. Ma ciò non vuol dire che non lo si possa pianificare

Infatti prevedere che cosa potrà accadere ti mette immediatamente in posizione di vantaggio rispetto alla concorrenza.

Ecco cosa devi fare: immagina 3 possibile scenari.

  • Uno scenario OTTIMISTA, nel quale la crisi finisce a maggio.
  • Uno scenario NEUTRO, nel quale la crisi finisce a giugno
  • Uno scenario PESSIMISTA, nel quale se ne riparla a inizio 2021

Il tuo obiettivo deve essere quello di sopravvivere e di agganciare la ripresa.

Come puoi fare? Ragiona su tutte le tue possibilità. Poi immagina quello che farai in ognuno degli scenari:

  • Quale costi puoi spostare in un altro momento?
  • Quali fornitori meritano di essere pagati regolarmente e a quali invece proporrai dilazioni o ritardi?
  • Come gestirai il personale?
  • Quali strumenti di tutela ha messo a disposizione il goeverno e come li userai?

Non sono risposte facili. Ma provare a dare una risposta è meglio che non fare nulla. Quello che devi fare non è lamentarti ma prepararti. Devi trovare il punto di pareggio in ognuno dei 3 scenari possibili

8 - Ragiona sugli andamenti internazionali

Che ti piaccia o no c’è qualcosa di cui possiamo davvero vantarci: il modello italiano per la gestione dell’epidemia.

Infatti uno dopo l’altro, tutti i principali paesi del mondo stanno replicando, passo dopo passo, esattamente lo stesso sistema di “chiusura” che hanno messo in piedi gli italiani.

Tutto ciò ha ripercussioni che stanno davvero cambiando il mondo e che lasciano il posto a conseguenze del tutto imprevedibili. Basti pensare che nel momento in cui scrivo più di 10 paesi europei hanno ripristinato le frontiere ai confini.

Che ripercussioni ha tale fenomeno sul Turismo? Una conseguenza è chiarissima: quest’anno potremo scordarci totalmente il turismo estero.

Fino a qualche settimana fa la motivazione era agghiacciante: era passata l’idea che l’Italia fosse l’untore del Mondo.

Oggi in realtà la percezione è totalmente diversa. Siamo tutti sulla stessa barca, si prospettano mesi di quarantena globale e un ritorno prepotente del nazionalismo.

Significa che il turismo in Italia probabilmente quest’anno si baserà quasi totalmente sul consumo interno. E forse (ci sarebbe da augurarselo) su quello cinese.

Come impatta questo suoi tuoi conti? Ragionaci attentamente

Considera anche che il turista italiano (o quello cinese) è tendenzialmente diverso da quello europeo

Puoi cambiare target riposizionando l’attività per accogliere prevalentemente turisti in lingua italiana? Quali cambiamenti dovrai apportare al tuo modello di business per sfruttare questa nuova situazione?

NOTA BENE: Questo articolo è molto lungo. Per scaricarlo e leggerlo con calma (e ricevere trucchi e consigli sul Marketing Turistico) CLICCA QUI

9 - Differenziati

Tutti gli esperti sono concordi: anche quando riprenderà il mercato non avrà quell’eccesso di domanda che ha caratterizzato gli ultimi anni. Possiamo dimenticarci l’over-tourism.

Nelle fasi iniziali della ripresa sarà necessario andare a prendersi i clienti uno per uno sottraendoli alla concorrenza.

Il primo passo per farlo è differenziarsi.

Non c’è più tempo di quelle strutture che puntano ad accogliere “un po' tutti”. Bisognerà invece rivolgersi prevalentemente ad uno ed un solo target, cercando di diventare il leader, nella propria posizione geografica, per quel particolare segmento di clientela turistica.

Anche in questo caso si tratta di marketing. Lo studio del posizionamento di mercato è il primo passo di ogni piano di marketing

Ecco alcune domande che possono aiutarti a capire meglio:

  • Chi sono i miei clienti storici?
  • Chi sono i clienti che mi danno più fatturato e soprattutto margine?
  • Chi vorrei provare ad attirare in virtù di un maggiore profitto potenziale?

Ragiona: se hai sempre voluto cambiare target e non lo hai mai fato, questo potrebbe essere il momento migliore per farlo.

10 - Migliora i processi aziendali

Quante volte ti sei lamentato del fatto che non hai mai tempo per fare certe cose?

Sempre presi come eravamo a lavorare in regime d’emergenza ed a sistemare i vari casini dell’attività, abbiamo accumulato nel tempo una lunga serie di attività da fare, anche importati e strategiche.

Ecco… ora hai tutto il tempo che desideri. E zero scuse.

Ma non solo! Puoi sfruttare il momento per alcune attività che ti aiuteranno a trasformare la tua attività da “gestione familiare” ad una “gestione aziendale”

Sto parlando di processi, protocolli e sistemi di lavoro.

  • Hai una manuale delle procedure aziendali?
  • Hai un sistema di documenti che spiega come fare le cose, all’interno della tua struttura, senza che ci debba sempre essere tu a spiegare come vanno fatte le cose?
  • Hai una struttura di comando gerarchica nella tua struttura?

Avere un sistema di questo tipo è quello che ti permette di delegare le attività con successo. Di emancipare la tua azienda dalla tua persona e di fare si che non debba sempre essere tu al centro di ogni attività.

Lo dico in modo diverso: il tuo compito è quello di gestire l’attività da un punto di vista economico finanziario e di fare marketing per trovare nuovi clienti, non aggiustare il rubinetto che perde o fare le fatture.

E’ necessario che in azienda ognuno sappia cosa fare e che ci siano persone che, basandosi su procedure scritte, sappiano formare il nuovo personale, così da rendere superflua la tua presenza.

Non c’è mai stato momento migliore di adesso per farlo.

11 - Marketing territoriale

Questa crisi deve anche farci ripensare il modo in cui noi italiani facciamo turismo. Bisogna in particolare pensare in maniera importanti al marketing territoriale ed al marketing di destinazione.

Sono troppo pochi infatti gli esempi in Italia nei quali strutture, imprenditori, comunità ed istituzioni collaborano all’unisono per accrescere la bellezza e l’offerta turistica delle nostre destinazioni.

Bisogna pensare al fatto che l’unione fa davvero la forza e che l’unione di tutti produce un risultato superiore alla somma dei singoli.

Fai rete con i tuoi colleghi. Trovate insieme soluzioni per arricchire l’offerta turistica della tua zona. Proponete alle vostre istituzioni di investire nel marketing di destinazione.

Ne guadagnerete tutti.

12 - Non fermare le campagne, ma rendile più efficienti

Adesso qualche suggerimento pratico per chi ha già campagne di marketing che funzionano e che magari rendono bene. Ecco alcuni consigli che ho visto funzionare in questo periodo:

  • Non fermare le campagne Google Search: chi sta cercando una destinazione o un particolare Brand turistico sa bene quale è la situazione e la accetta comunque. Potrebbe quindi essere interessato a visitare la tua struttura e perché no… ad approfittare di eventuali offerte mirate
  • Riattiva le Ad su Facebook, se le avevi interrotte. Come detto in precedenza è importante farsi vedere come aperti e attivi. Inoltre l’algoritmo di Facebook privilegia la continuità, per ottimizzare continuamente il modo in cui la piattaforma vuole continuità di budget
  • Porta avanti le campagne che attraggono visitatori sul sito. E’ molto importante per allenare il pixel di Facebook e accrescere la Awareness del Brand in vista di una futura ripresa
  • Modera le campagne a conversione. Finchè siamo nel pieno della crisi le conversioni saranno pochissime e rischi di aumentare eccessivamente il costo, danneggiando per dipiù le perforamnce a livello statistico
  • Rifletti attentamente sulle campagne estere. Nei prossimi mesi ci saranno grossi problemi di chiusura delle frontiere. Non si può dire che cosa accadrà.

Ricorda che il Marketing è un processo ed ha bisogno di tempo e costanza. Anche durante le crisi.

13 – Non sopravvive il più forte ma chi si adatta meglio

In quest’ultimo punto torno a ribadire quanto detto all’inizio. Sebbene questo momento sembri tragico (e per certi versi lo sia), le crisi esistono da sempre. Ed hanno tutte una caratteristica comune: quando ci sei dentro sembra impossibile rivedere la luce.

In verità la luce c’è e ci sarà sempre, come c’è sempre stata. Solo che sarà una lue probabilmente diversa da quella esistente prima della crisi.

L’Italia ha caratteristiche uniche al Mondo. E continuerà ad averle anche quando il Coronavirus sarà un brutto ricordo. Tuttavia è necessario che il nostro modello di ospitalità cambi e diventi più efficiente e moderno.

Ricorda: durante questi momenti di difficoltà non sopravvive il più forte ma quello che si adatta meglio.

Adattarsi in questo momento significa non fermarsi ma bensì ragionare con senso critico, avere lungimiranza e progettare la ripartenza.

Studiare, fare analisi, affidarsi a consulenti preparati, analizzare il proprio database clienti, ipotizzare scenari e fare previsioni… sono tutte attività che faranno la differenza nel nuovo mondo che ci attende e che daranno a chi pianifica in anticipo la possibilità di prosperare appena tutto questo incubo sarà finito.

NOTA BENE: Questo articolo è molto lungo. Per scaricarlo e leggerlo con calma (e ricevere trucchi e consigli sul Marketing Turistico) CLICCA QUI

Sull'Autore

Ing. Luca Manitto

Ingegnere, Imprenditore Digitale e Consulente Marketing Vivo a Genova, ho 40 anni e sono papà diun bimbo di 4 anni Nel lavoro aiuto aziende e professionisti a creare la loro azienda online. Nella vita mi interesso di politica ed economia. Nel tempo libero medito e faccio sport

__CONFIG_colors_palette__{"active_palette":0,"config":{"colors":{"62516":{"name":"Main Accent","parent":-1}},"gradients":[]},"palettes":[{"name":"Default Palette","value":{"colors":{"62516":{"val":"var(--tcb-skin-color-0)"}},"gradients":[]}}]}__CONFIG_colors_palette__
CHI SONO

Potresti essere interessato ai seguenti articoli

Lascia un commento

Il tuo Indirizzo email non sarà pubblicato. I campi con * sono obbligatori

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Scarica GRATIS la Guida al Piano di Marketing Ingegnerizzato in 5+1 Passi